Chirurgia refrattiva

Una soluzione mini-invasiva per la cura dei difetti della vista

 

Correggere difetti della vista come miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia è oggi semplice grazie alla Chirurgia Refrattiva. Il servizio di Chirurgia Refrattiva di Armonia si avvale di Medici Specialisti di fama internazionale e delle migliori tecnologie sul mercato, tra cui il femtolaser e il laser ad eccimeri, che permettono interventi chirurgici precisi e di breve durata, assicurando al paziente un recupero rapido dopo l'operazione.

LA CHIRURGIA REFRATTIVA IN ARMONIA
La Chirurgia Refrattiva ha l'obiettivo di correggere quei difetti visivi detti appunto “vizi refrattivi” come miopia, astigmatismo e ipermetropia. Il Centro Polispecialistico Armonia ha sviluppato un'iperspecializzazione nel trattamento laser di questi diffusi disturbi della vista, che grazie a tecnologie di ultima generazione e a un personale medico specializzato possono essere risolti attraverso operazioni mini-invasive sicure ed efficaci che minimizzano la possibilità di complicanze e consentono al paziente un recupero rapido e completo della vista.

QUALI DIFETTI VISIVI CURA LA CHIRURGIA REFRATTIVA?
Una nuova frontiera della chirurgia refrattiva è il laser a femtosecondi, che permette di trattare con grande precisione e massima sicurezza miopie, ipermetropie, presbiopie e astigmatismi importanti. Questi difetti refrattivi sono inoltre risolvibili attraverso l'utilizzo di un laser ad eccimeri e le tecniche Prk/Transprk o Lasek, che con straordinaria precisione modificano la curvatura corneale consentendo un risultato ottimale e definitivo. Un’altra opzione per correggere ipermetropie o miopie molto elevate (tra 10 e 30 diottrie) è rappresentato dall’utilizzo di lenti introculari (Lenti Fachiche), disponibili in varie tipologie per adattarsi alle specifiche esigenze di ogni paziente.
Infine anche l’intervento di rimozione del cristallino (facoemulsificazione) rappresenta una valida opzione per la correzione dei difetti refrattivi. Nei casi di cataratta l’opacamento del cristallino, ovvero la lente naturale contenuta all’interno dell’occhio, provoca un calo della vista che non può essere corretto con occhiali o con lenti a contatto. Attraverso innovative tecniche chirurgiche è possibile sostituire la lente opaca con una artificiale, ripristinare la visione persa e spesso ridurre o eliminare definitivamente la necessità di indossare occhiali. Un intervento sicuro ed efficace eseguito in regime ambulatoriale e con anestesia in gocce, che permette al paziente di tornare a casa già dopo poche ore.


LE NOSTRE PRESTAZIONI

  • Prima visita
  • Visita di controllo post-operatorio
  • Chirurgia Refrattiva Intraoculare
  • Chirurgia della Cataratta
  • Chirurgia Corneale

 

COME PRENOTARE
Puoi accedere ai nostri servizi di Chirurgia Refrattiva prenotando:

  • online selezionando la prestazione desiderata a questo link
  • via telefono chiamandoci al 0376 1608500
  • via mail mandandoci la tua richiesta a info@armoniamantova.it

Gli orari di apertura del nostro servizio sono dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 20.00 e il sabato dalle 8.00 alle 13.00.

 

LE DOMANDE FREQUENTI

Con la chirurgia refrattiva è possibile liberarsi definitivamente da occhiali o delle lenti a contatto?


L’obiettivo dell’oculista durante la visita specialistica è di valutare l’entità e la natura del disturbo refrattivo. A seconda del caso, il medico chirurgo sarà in grado di comunicare al paziente le varie opzioni e le aspettative post-operatorie. In molti casi non solo il paziente potrà sbarazzarsi di occhiali e lenti, ma la sua vista post-operatoria sarà migliore di quella avuta negli anni attraverso i supporti visivi.

 

La chirurgia refrattiva è adatta a tutti?


Esistono alcune condizioni cliniche dell’occhio che rendono sconsigliabile l’intervento. Durante la visita specialistica il chirurgo oculista, mediante una visita completa comprensiva di esami strumentali di ultimissima generazione, sarà in grado di identificare tali condizioni.

 

Cosa devo fare prima dell’intervento?


Il primo passo è una visita oculistica specialistica, attraverso l’ausilio di innovative tecnologie diagnostiche. Dopo alcuni test il medico specialista di oftalmologia in accordo con il paziente potrà pianificare il trattamento ideale sulla base dei dati clinici e strumentali. Coloro che portano lenti a contatto semi-rigide devono sospenderne l’uso durante i 15 giorni antecedenti alla visita. Si consiglia inoltre di venire alla visita accompagnati e senza trucco al viso.

 

L’intervento di chirurgia refrattiva è doloroso?


Prima del trattamento l'occhio viene anestetizzato utilizzando unicamente un collirio anestetico, in quanto questo tipo di chirurgia non comporta fastidio. Durante la fase post-operatoria la guarigione è diversa a seconda del paziente. Alcune persone che affrontano la chirurgia con PRK/Transprk riferiscono di avvertire solo una leggera sensazione di fastidio, altri invece lamentano un certo grado di dolore che si attenua progressivamente fino a scomparire quasi completamente in 3-4 giorni. Coloro che affrontano l’intervento con tecnica Lasik/Femtolasik asseriscono che dolore e fastidio sono pressoché assenti fin da subito.

 

Quanto dura l’intervento di chirurgia refrattiva?


Con i laser utilizzati in Armonia la durata complessiva dell’intervento di chirurgia refrattiva non supera i 10 minuti. Il trattamento su ogni occhio dura pochi secondi: lo stroma corneale viene esposto per un tempo brevissimo evitando così la disidratazione e velocizzando i tempi di rigenerazione. Tutti i trattamenti si svolgono in regime ambulatoriale. Prima della dimissione, che avviene generalmente entro un'ora dall'intervento e richiede la presenza di un accompagnatore, il paziente viene controllato dal chirurgo.

 

Quando è possibile riprendere le normali attività lavorative dopo l’intervento?


Il recupero visivo completo o comunque il raggiungimento degli obiettivi programmati varia a seconda del difetto visivo trattato e della tecnica adottata. L’autonomia lavorativa si raggiunge in un tempo variabile fra i 2 ed i 10 giorni, a seconda della tecnica chirurgica adottata.

 

Dopo l’intervento sono necessari dei controlli?


I controlli post operatori e la terapia indicata sono fondamentali per una guarigione completa. La frequenza dei controlli varia in funzione del caso specifico e della tecnica operatoria adottata.
In alcuni casi possono verificarsi alcune complicanze transitorie quali opacità corneali o infezioni, tuttavia sono molto rare e quasi mai a lungo termine.